Picea Abies

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Picea abies

cascata di colonne della Casa Comune

Installazione temporanea ad un anno dalla tempesta Vaia

 

Questi tronchi di abete rosso, provenienti dalla Val delle Mure, sono stati abbattuti un anno fa dalla Tempesta Vaia. L’ evento meteorologico che ha portato profonde ferite nei boschi delle Dolomiti, è sintomo del cambiamento climatico in atto, del quale siamo corresponsabili. Non possiamo più esimerci dal riconsiderare il nostro rapporto con la natura, i nostri consumi, il nostro stile di vita. Il pianeta è la nostra casa comune e gli alberi sono le sue colonne portanti.

 

 

DESCRIZIONE

L’opera è realizzata con i tronchi di abete rosso che ingombravano sentieri e mulattiere della Val delle Mure. Sono stati spostati, accatastati e poi trasportati a valle, quindi sono stati disposti nelle gradinate della chiesa a formare una cascata. Sono avvitati tra loro per assicurare la stabilità complessiva dell’opera. La didascalia, stampata su supporto rigido, è infissa in uno dei tronchi e si erge verticale.

 

 

SINOSSI

La cascata di tronchi è intesa simbolicamente sia come il precipitare della massa d’acqua che ha abbattuto gli alberi, sia come caduta degli stessi al suolo. Il luogo scelto sono le scale della chiesa parrocchiale, per costruire un riferimento all’enciclica di Papa Francesco “Laudato sì” e alla “cura della casa comune”. Gli alberi sono figurativamente intesi come le colonne portanti della casa, sui quali si reggono gli equilibri ecologici che permettono la vita degli animali e dell’uomo. L’opera vuole sollecitare una riflessione sull’impatto nei cambiamenti climatici e nei cicli ecologici dei nostri stili di vita energivori e consumisti.

 

PRODUZIONE

Installazione autoprodotta da Salvatica

con la collaborazione di:
Parrocchia di Crespano del Grappa
Comune di Pieve del Grappa
Veneto Agricoltura
CAI Feltre sottosezione Pedemontana del Grappa
ecovillaggio Case Bacò

 

scarica la scheda dell’installazione Picea Abies

 

Vedi anche: La zattera delle piante migranti – installazione temporanea

 

 

Laboratorio di Galenica 2020

Pubblicato il Pubblicato in corsi, Senza categoria

Corso e laboratorio sull’autoproduzione di rimedi fitoterapici

Il corso si propone di indagare l’estrazione dei principi attivi dalle piante officinali. L’escursione di raccolta e riconoscimento delle piante sarà occasione per conoscere le buone pratiche di raccolta dei vegetali. In laboratorio si procederà alla lavorazione, infusione, filtrazione di tinture madri e gemmoderivati.

LABORATORIO • Domenica 15 marzo, ore 10:00 – 16:00

Raccolta dei vegetali – tempi balsamici e buone pratiche
Escursione di riconoscimento e raccolta
Preparazione dei macerati idroalcolici e idroglicerici
Posologia e uso di tinture madri e gemmoderivati

Presso la fattoria didattica Il Codibugnolo, Crespano del Grappa – www.ilcodibugnolo.it

LABORATORIO • Domenica 19 aprile, ore 10:00 – 16:00

Diluizione e dinamizzazione dei gemmoderivati

Filtrazione, imbottigliamento, etichettatura dei preparati
Calcinazione Spagyrica

Presso il molino Banchieri Quero – Belluno

Iscrizioni

É necessario dare la propria adesione al corso entro il 10 marzo.
Costo di 150 euro comprensivi di iscrizione all’associazione, materiali e corso.

Per iscriversi o per ulteriori informazioni scrivi a: info@salvatica.it
chiama o invia un sms al 339 4038337

Staff

Vittorio Alberti, naturopata
Silvia Nogarol, erborista
Elena Torresan, agronomo
Claudio Mistura, paesaggista

In collaborazione con:

Centro Ricerca Piante Officinali Veneto  –  www.centroricercapianteofficinali.it
Il Codibugnolo fattoria didattica –  www.ilcodibugnolo.it

I laboratori sono ospitati presso Fattorie Didattiche del Veneto

Aita Gymnastic

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Aita Gymnastic

percorso urbano per la motricità inclusiva

Casa di riposo Aita – Pieve del Grappa    www.casadiriposoaita.it

Aita Gymnastic è un progetto ideato da Salvatica per la Casa di Riposo Aita. Sono coinvolti gli spazi esterni del plesso che, utilizzando pratiche di coinvolgimento interno ed esterno, saranno trasformati attraverso un percorso per la motricità inclusiva.

FASI PREPARATORIE

Per riuscire a progettare nel migliore dei modi l’intervento sono stati organizzati degli incontri sia con gli anziani residenti nella struttura, sia con i non residenti ma fruitori delle attività e degli spazi in qualità di esterni. Sono stati quindi raccolti numerosi dati circa l’utilizzo degli spazi interni ed esterni, al fine di individuare l’uso e le caratteristiche qualificanti. Sono emersi poi consigli e idee per poter migliorare gli spazi. Abbiamo poi cercato di individuare delle parole chiave sul tema della memoria e del ricordo. Sono stati anche incontrati i fisioterapisti della casa di riposo per comprendere meglio le capacità motorie degli anziani, al fine di offrire un opportunità motoria di sperimentazione ed una palestra all’aperto che interagisca con la mobilità, a misura di anziano.

 

 

FIL VERT

Dopo un primo momento di raccolta dati, il risultato del progetto Aita Gymnastic si evolverà in un percorso tracciato per terra, partendo dai due ingressi della casa di riposo, fino al nuovo padiglione dei reparti. Il segno tracciato sarà come un lungo filo di lana che partirà da un grande ago di legno, una sorte di Totem che darà inizio al percorso. Iniziando dall’ingresso della casa di riposo quello verso la piazza di Crespano. Lungo il tragitto verranno scritte a terra delle parole/frasi guida, allo scopo di offrire a chi entra in Aita una guida e un motivo di riflessione e curiosità. Sono stati identificati inoltre dei luoghi di incontro nel giardino e destinati ognuno ad una precisa tematica: la memoria, il racconto, la condivisione del sapere, olfatto e i ricordi di gioventù.

 

 

In riferimento al lavoro fatto con i fisioterapisti durante il percorso verranno infine tracciate delle figure come il cerchio, il quadrato e il simbolo dell’infinito, tutte utili per sviluppare la mobilità dell’anziano e l’attenzione, in particolare volta ad imparare a mantenere l’attenzione sugli ostacoli e sul percorso (cambio pavimentazione ecc..) al fine di prevenire cadute e traumi.

PRODUZIONE

Dopo una prima fase di test e l’inizio della traccia colorata, le condizioni di temperatura e umidità hanno imposto una pausa, l’adesione del colore al supporto è risultata disomogenea. La primavera si è poi serrata per altri motivi, aspettiamo ora la stabilizzazione delle condizioni meteorologiche per riprendere i lavori.

 

 

CESTI DELL’OLFATTO

La fase di costruzione è proseguita con le installazioni esterne: i cesti dell’olfatto.
Si tratta di grandi cesti infissi nel terreno all’interno dei quali saranno piantate specie aromatiche connotate dalla presenza di oli essenziali. Questi permetteranno di essere facilmente raggiunti dagli anziani, grazie all’altezza ottimale pensata anche per gli ospiti in sedia a rotelle.

 

 

Si sono adoperati vimini in salice da cesteria di lunghezza superiore a 2 metri. Utilizzando tipi di tessitura tratti dalla cesteria classica, si sono sperimentate forme differenti pensando alla specificità delle piante che ospiteranno.

 

 

Successivamente si sono riempiti i cesti con substrato vegetale appositamente composto e su questo messi a dimora mente e melisse, santoline, erba luigia, rosmarini prostrati e lavande stoechas.

 

 

FIL VERT #2

E’ giunta la primavera e a passi veloci anche l’estate, prepariamo i colore per tracciare il “fil vert” traccia colorata che attraversa gli spazi estreni tra i padiglioni del plesso Aita. Come un gomitolo di lana che si svolge, metafora della vita, tra nodi e incroci si scrivono parole indelebili.

 

 

Sperimentiamo il potere di una traccia, quasi un gesto unico semplice e preciso, un’unica pennellata di 260 metri di sviluppo. Capace quantomeno di catalizzare gli sguardi e far sorgere interrogativi.

 

 

Lo stesso segno scrive parole nate dal dialogo con i gli anziani, parole che raccontano vite, memorie, sentimenti, attimi. Parole che accolgono, che legano con un filo unico passanti, anziani, fisioterapisti, parenti, carrellisti, direttori, giovani pittori e giardinieri.

 

 

Giovedì 8 ottobre 2020 si è tenuta l’inaugurazione del percorso Aita Gymnastic. In collaborazione con le educatrici di Aita, abbiamo presentato il lavoro dialogando e commentando il significato di quanto fatto.

 

 

Lentamente insieme abbiamo percorso il filo verde, leggendo le parole, facendo gli esercizi fisici dedicati alla mobilità dell’anziano, toccando e annusando le piante aromatiche piantate sui cesti intrecciati in vimini. Durante alcune soste, in particolare nella zona dedicata alla memoria, al racconto, abbiamo letto alcune poesie dialettali accompagnati da arpeggi di chitarra classica e percussioni.

 

 

Aita Gymnastic è un progetto di Salvatica per Casa di Riposo Aita parte di Curati del movimento 

Curati del movimento è un progetto a favore dei cittadini anziani del territorio Pedemontano dei Grappa Finanziato dalla Regione Veneto con Decreto Regionale n. 162/2018 “Interventi e Valorizzazione dell’Invecchiamento Attivo”

Aita Gymnastic da seguito alla sperimentazione iniziata con il progetto Crespano Urban Playground

 

Arte del Salice

Pubblicato il Pubblicato in corsi, NEWS, Senza categoria

Percorso alla scoperta del mondo del salice: coltivazione, raccolta, intreccio usi artistici e artigianali

Una straordinaria e ricca occasione per immergere mente, cuore e mani nell’antichissimo rapporto tra uomo e salice, pianta legnosa che ha accompagnato la storia dell’uomo fornendo prodotti utili e senza tempo

Calendario

CORSO orario 20:30 – 22:30

giovedì 22 novembre  – incontro sulla biologia del salice
giovedì 6 dicembre  – incontro sui vimini materia prima – raccolta, conservazione, usi

LABORATORIO  orario 9:00 – 17:00

sabato 24 novembre  – laboratorio di cesteria 1
sabato 8 dicembre – laboratorio di cesteria 2
sabato 15 dicembre  – oggetti natalizi in salici intrecciati
sabato 19 gennaio – intrecci e arredi per il giardino
sabato 2 febbraio  – giornata di potatura salici in campo – raccolta vimini e loro prima lavorazione
sabato 16 febbraio – strutture viventi in salice

Luogo

Tutti gli incontri si terranno presso presso il Centro don Paolo Chiavacci a Crespano del Grappa, via Santa Lucia 45, 31017 – Crespano del Grappa (TV)
www.centrodonchiavacci.it

Iscrizioni

Sono disponibili 14 posti determinati dall’ordine di adesione.
È possibile aderire alle singole giornate, verrà data priorità a chi frequenta tutto il corso.
Per iscriversi invia i tuoi dati via
mail: info@salvatica.it
telefono: 339 4038337

Relatore

Mario Brocchi Colonna, dottore in Scienze forestali titolare dell’azienda agricola San Giorgio – Idee di Salici
www.aziendaagricolasangiorgio.it
Facebook #ideedisalici

Costo

Iscrizione all’associazione Salvatica euro 5, singola serata euro 15, giornata di laboratorio euro 75. Tutto il corso 340 euro. Sono inclusi nel costo dei laboratori tutti i materiali da intreccio e viventi, ogni partecipante porterà a casa le opere realizzate.

scarica il volantino del corso

 

Evento in collaborazione con:

Centro di Spiritualità e Cultura don Paolo Chiavacci – Crespano del Grappa
www.centrodonchiavacci.it
www.specolachiavacci.it
ufficio@centrodonchiavacci.it

 

 

 

IN-NEST nel nido

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

In-nest  nel nido

dispositivo di interazione ecologica

Scultura vegetale e laboratorio per bambini
Serra dei Giardini, Viale Garibaldi 1254, Venezia

 

Nel giardino dei bambini non accompagnati presso la Serra dei Giardini a Venezia, Salvatica propone un laboratorio rivolto a bambini e adulti con spirito bambino. Come di consueto materiali vegetali e minerali quali semi, insetti, argilla, paglia, rami con forcelle saranno manipolate per costruire un dispositivo ecologico capace di interagire con il luogo, attivando micro-trasformazioni. I partecipanti sono invitati a scoprire, codificare, mappare, fotografare l’evoluzione della scultura, costruendo una relazione con il giardino.

 

 

Nido che accoglie semi, insetti, germogli: natura multiculturale.
Nido che non ha paura di cambiare, germinare, evolvere.

 

l’installazione fa parte di:
IL GIARDINO DEI BAMBINI NON ACCOMPAGNATI
a cura di: Microclima & Kunsthalle Zürich
in collaborazione con: Gli Impresari, Roberto Sartor

 

 

scarica il volantino oppure il manifesto
vedi il programma delle attività
#IN-NEST

Guarda La città degli uccelli II – laboratorio di intreccio e installazione collettiva