La città degli uccelli II

Pubblicato il Pubblicato in LAB

Nido d’albero
la città degli uccelli II

Installazione collettiva
Giardino dei frutti dimenticati di Tonino Guerra, Pennabilli

 

I grandi alberi accolgono e danno rifugio a uccelli, insetti, piccoli mammiferi, funghi, semi viaggiatori. I grandi alberi sono abitazioni collettive, un condominio di diversità ecologica variopinta. I grandi alberi sono una nuvola di punti nel paesaggio, un albergo diffuso, nodi infrastrutturali di reti ecologiche complesse.

Con intrecci convenzionali e selvatici abbiamo allenato la nostra capacità manipolativa e di motricità fine sperimentando forme sul tema del nido, rifugio primo che accoglie la vita. Abbiamo intrecciato le nostre vite, i vimini di salice, i nostri pensieri, riflettendo sui delicati e imprescindibili intrecci tra l’uomo e natura.

 

DESCRIZIONE

L’installazione è stata prodotta durante un’intensa settimana di lavoro da 25 studenti della scuola primaria e secondaria inferiore di Pennabilli. Ci siamo dedicati alla manualità fine con una serie di esercizi di intreccio con vimini e vegetali raccolti. Abbiamo intrecciato il nostro tempo, le nostre storie, i vimini, mettendo alla prova capacità di concentrazione e pazienza.

Insieme abbiamo prodotto una serie di nidi diversi come differenti sono le nostre mani, i nostri pensieri, ma tutti hanno trovato spazio e senso nel grande albero dell’accoglienza che fa della diversità un valore. Accoglie semi, accoglie uccelli ma anche bambini e chi vorrà sedersi nel grande cesto appeso a meditare sui nostri rapporti con gli altri esseri viventi.

Il nostro “grande albero” a cui è dedicato il più ampio progetto, si è rivelato un maestoso alloro del Giardino dei frutti dimenticati di Tonino Guerra. L’installazione “nido d’albero” vuole anche essere un omaggio a Tonino Guerra e alla sua città degli uccelli.

 

 

MATERIALI

Vimini di Salice, astoni di corniolo e nocciolo, rami di fico, sambuco e bamboo, tondelli di robinia, frassino e betulla. Spago in canapa. E mani, tante mani che hanno sperimentato l’intreccio e si sono confrontate con la manualità fine.

 

 

Opera realizzata nel modulo
Raccontare con le mani, l’intreccio, la trama e l’ordito
progetto PON All’ombra delle radici
ICIP.O. Olivieri di Pennabilli  www.icpennabilli.gov.it

Con il supporto di:
Chiocciola la casa del nomade  www.chiocciolalacasadelnomade.it

 

Vedi anche: Clay pad – laboratorio per bimbi sulle tracce degli animali