Un giardino in sette stazioni

Pubblicato il Pubblicato in LAB, NEWS

Progetto di un giardino educativo per l’asilo nido di Marostica

Crediamo che il giardino del nido abbia un ruolo pedagogico di primaria importanza. Lo spazio aperto e la sua qualità è luogo, per ogni bambino, della scoperta e dello sviluppo della curiosità. La varietà di possibilità ed esperienze che questo permette stimola e condiziona dunque le capacità e gli interessi personali di ogni bambino. In particolare questa fascia di età è caratterizzata dalla scoperta dello spazio, dei materiali, dell’ambiente attraverso i cinque sensi.

 

tavole del progetto

 

Utilizzare nel giardino materiali vegetali e minerali permette di porre le basi per un’educazione alla natura e alla percezione della sua caratteristica prima: la mutevolezza. Il cambiamento delle stagioni, delle foglie, delle piante, del terreno che rinnovano costantemente i caratteri dello spazio danno sempre nuove possibilità di percezione-interazione e dunque di stimoli per l’apprendimento.

 

A

 

Attraverso i laboratori di autocostruzione, bambini, genitori, educatori in tempi e modalità differenti sono invitati a prendere parte alla costruzione del giardino. Differenti laboratori didattici di semina, manipolazione dell’argilla, messa a dimora di piante, costruzione di strutture vegetali viventi sono occasioni di sperimentazione pratica. Gli stessi laboratori permettono di sviluppare un senso di appartenenza ai luoghi dei quali si è contribuito alla realizzazione. Si pongono le basi per azioni di cura, osservazione, manutenzione e sorveglianza. L’identità del luogo si arricchisce e diviene patrimonio collettivo.

 

Vedi anche: Hortus conclusus selvaticorum – l’orto selvatico a scuola